top of page
timbre timbri
La inauguración de la sede de la Embajada de la República Dominicana en Italia en Via Ludovisi n.16, Roma, el 21 de Julio 201

Lo sapevate!

L'inaugurazione della sede dell'Ambasciata della Repubblica Dominicana in Italia in Via Ludovisi n.16, Roma, il 21 luglio 2018, sotto la guida dell'Ambasciatrice Alba María "Peggy" Cabral de Peña Gómez nel luglio 2018, ha segnato una tappa significativa per la diplomazia relazioni tra i due paesi. Questo evento rappresenta un importante passo avanti nel consolidamento e rafforzamento dei legami tra la Repubblica Dominicana e l'Italia.

Con una posizione strategica a Roma, la nuova sede offre uno spazio adeguato per svolgere le funzioni e le responsabilità dell'ambasciata, nonché per soddisfare le esigenze dei cittadini dominicani in Italia e promuovere gli interessi dominicani nel paese europeo.

L'Ambasciatore della Repubblica Dominicana presso la Santa Sede, Luis Emilio Montalvo Arzeno, riceve in Vaticano la Medaglia dell'Ordine Cavalleresco Pontificio.

El Embajador de la República Dominicana ante la Santa Sede, Luis Emilio Montalvo Arzeno, r

Città del Vaticano, Roma. Venerdì mattina, 28 giugno, l'Ambasciatore Montalvo ha ricevuto presso la Segreteria di Stato Vaticana, insieme ad altri 12 Ambasciatori presso la Santa Sede, la medaglia dell'Ordine Piana, un Ordine cavalleresco pontificio fondato il 17 giugno , 1847 da Papa Pio IX.
Dal novembre 1993 è stata concessa anche alle donne. Attualmente è la più alta onorificenza conferita dalla Santa Sede (sono attualmente inattivi l'Ordine Supremo di Cristo e l'Ordine dello Speron d'Oro).
Il grado più alto concesso dal Papa è il Collare, d'oro, conferito ai capi di Stato in occasione delle visite ufficiali alla Santa Sede. La Gran Croce è la più alta onorificenza papale conferita ai laici, uomini e donne, spesso conferita agli ambasciatori accreditati presso la Santa Sede dopo due anni di mandato nonché a cattolici eccezionali nel mondo per particolari servizi, soprattutto in campo internazionale e per eccezionali azioni per la Chiesa e la società.
Il grado successivo è quello di Cavaliere (e ora Dama) Commendatore con Stella, per il quale la targa (la stessa indossata dalle Gran Croci) può essere assegnata come la più alta onorificenza. I gradi più bassi sono rispettivamente Cavaliere o Lady Comandante e Cavaliere o Lady. Viene concesso a cattolici e non cattolici e, di volta in volta, a non cristiani.
Nella cerimonia solenne, ogni Ambasciatore è stato accompagnato dalla sua consorte ed è stata presieduta dal Sostituto della Segreteria di Stato, Mons. Edgar Peña Parra, e dai Monsignori del Protocollo della Santa Sede.

10-07-2024

Autor: por la redacción

Historia y Cultura de italodominicano.tv 

L'Ambasciatore Moltalvo rende omaggio a: Josefina Padilla

Embajador Luis Emilio Montalvo Arzeno - Josefina Padilla Deschamps
  • Luis Emilio Montalvo Arzeno, Ambasciatore della Repubblica Dominicana presso la Santa Sede, rende omaggio alla Dottoressa Josefina Padilla Viuda Sánchez in occasione della Commemorazione della Giornata Internazionale della Donna.

Luis Emilio Montalvo Arzeno, Ambasciatore della Repubblica Dominicana presso la Santa Sede, rende omaggio alla Dottoressa Josefina Padilla Viuda Sánchez in occasione dell'inaugurazione della mostra Dipingiamo il Domani, 8 marzo 2024, in commemorazione della Giornata della Donna Internazionale, organizzato dall'Associazione Il Tempo delle Donne.

Discorso:

Ci vuole coraggio e determinazione per intraprendere un viaggio verso l'ignoto, lo hai fatto e questo parla per te. La donna domenicana è riconosciuta come una guerriera e determinata ad andare avanti senza paura delle avversità da superare. Ringrazia il Paese che ti ha accolto, istruisciti, apri ponti affinché altri possano seguire le tue orme, ma, soprattutto, non dimenticare mai da dove vieni. Riconoscere le nostre radici ci rende persone migliori. Riprodurre le cose belle che vediamo dove arriviamo, pensare sempre a quelle donne che ci hanno preceduto e che, sebbene non siano più tra noi, sono ancora vive nei nostri cuori e nelle nostre azioni. Anacaona fa parte di noi in quanto discendenti Taino orgogliosi delle proprie radici. "Vive nell'immaginazione della nostra gente."

"Oggi mi è stato affidato il compito di scegliere una signora domenicana che, secondo la mia conoscenza della nostra storia recente, il mio giudizio e la mia esperienza personale, sia con quella stessa persona che con i suoi discendenti e/o conoscenti, merita una speciale esaltazione tenendo conto della sua vita e la sua testimonianza ai suoi contemporanei e i frutti che ha lasciato sul pianeta Terra. In questo caso scelgo la dottoressa Josefina Padilla Viuda Sánchez, che fu la moglie del martire dell'epoca di Trujillo Rafael Augusto Sánchez, che ho conosciuto soprannome Papito. Quando tornai dagli Stati Uniti dopo aver studiato Filosofia, Lettere e Classici greci e latini, scoprii che l'Università Autonoma di Santo Domingo aveva aperto la Facoltà di Psicologia nel 1967 e decisi di iscrivermi, poiché era una facoltà. carriera abbastanza coerente con il mio interesse nell’aiutare le persone a crescere come persone.
Lì conobbi Josefina Padilla, che già da alcuni anni era Dottore in Medicina. Mi sono subito immersa nel suo passato parlando con lei e con tutti i suoi compagni di classe. Scoprii che si era laureata in medicina negli anni '50 ma il governo non le concesse mai l'EXEQUATUR per esercitare perché era la moglie di un antitrujillista confesso e noto che avevo conosciuto come professore de la Salle nelle materie della storia e della letteratura. Rimase fedele ad ogni costo all'amato marito in mezzo alle ristrettezze economiche, avendo già una famiglia di 5 figli.

Quando Trujillo fu giustiziato, suo marito Papito Sánchez, che pochi giorni dopo fu prigioniero politico, fu assassinato apparentemente perché non poteva nascondere la gioia che gli provocò la liberazione del popolo dominicano quando morì il dittatore Trujillo. Da quel momento in poi, il calvario della dottoressa Padilla divenne più duro, prima perdendo il compagno di vita e poi sentendosi sola con una famiglia di bambini e adolescenti sulle spalle. Ha vissuto con dignità aggrappandosi a Dio e con una fede incrollabile che il paese sarebbe andato avanti con la scomparsa della dittatura di Trujillo. Visse austeramente con i miseri stipendi dell'UASD e alla fine ottenne l'exequatur in medicina perché le sue preoccupazioni erano già state fortemente incanalate nell'aiutare le persone con difficoltà mentali, motivo per cui aveva scelto la psicologia. Più tardi ha visto la morte di uno dei suoi figli, cosa che l’ha toccata profondamente, mostrando una resilienza indistruttibile e ha continuato a impegnarsi in un lavoro poco retribuito ma di grande impatto al servizio dei più diseredati.
Una delle ultime conversazioni che ho avuto con lei è stata tra il 2016 e il 2020, quando il Paese stava già toccando il fondo a causa della corruzione e del disordine istituzionale. Ho fatto parte di un gruppo di riflessione per cambiare le cose. Eravamo tutti uomini e io ho suggerito di integrare le donne con voglia di cambiamento. Fu in quel momento che entrò la dottoressa Josefina Zaiter de Zaglul, che era mia studentessa all'UASD. In quel momento ho proposto di integrare la dottoressa Josefina Padilla e ho deciso di chiamarla. Lei mi ha risposto che avrebbe voluto integrarsi con la sua anima, vita e cuore, ma che la sua salute aveva già eroso l'energia e l'entusiasmo con cui l'ho incontrata e che non le era possibile.

È opportuno tener conto che nelle prime elezioni democratiche del Paese, all'inizio degli anni '60, fu la prima donna ad accompagnare Domingo Moreno come presidente e lei come vice, per il Partito Social Cristiano. Fu una donna poliedrica che acquisì una solida formazione politica adeguata a quei tempi.
Non voglio concludere senza presentare questa testimonianza del gesuita padre Jesús Zaglul, S.J. che esprime quanto segue: “Ho avuto l'enorme gioia di accompagnare spiritualmente Josefina negli ultimi 10 anni della sua vita e di stabilire con lei un'amicizia molto profonda.
Suo marito imprigionato dalla tirannia dopo il fallimento della spedizione del 1959, lei si recava ogni giorno all'ingresso del Palazzo di Giustizia per vedere se poteva vederlo. Dopo la sua scomparsa e il sospetto di omicidio, ha girato per più di 6 mesi le carceri del paese per avere notizie di dove si trovasse. Quegli anni senza lavoro, perché nessuno osava assumerla, e 8 figli piccoli (5 dal suo matrimonio e 3 dal primo matrimonio di Papito, che ha allevato e amato come se fossero suoi). Visse sempre confidando in Dio e vendendo il formaggio di casa in casa. Non le è mai mancato il necessario per lei e per i suoi figli. Me lo ha ripetuto tante volte. Nei suoi studi e pratiche mediche e nel suo impegno sociale e politico, così come negli ultimi anni di lavoro nella Comunità di Vita Cristiana, Josefina fu una donna di grandissima fede. Sono rimasto colpito fino alla fine dalla sua profondità spirituale e finezza, ma soprattutto dalla sua voglia di aggiornarsi nelle letture, ancora a 98 anni, con il suo Kindle, che ha imparato a usare da anziano. Ogni martedì riuniva i suoi figli per leggere insieme e discutere il Vangelo. Si lamentava sempre con me di quanto poco facesse per Dio nei suoi ultimi anni, quando ancora accompagnava la preghiera notturna e gli Esercizi Spirituali nella vita quotidiana."

Primo congresso internazionale delle donne dominicane in Europa

  • Congreso "Sorelle - El Futuro de las mujeres dominicanas en Europa."

Roma, sabado 9 de marzo  2024

El congreso "Sorelle: El Futuro de la Mujer Dominicana en Europa", presentado por la Asociación "Il Tempo delle Donne", tuvo lugar el 9 de marzo de 2024 en la Basílica San Pietro in Vincoli en Roma, en conmemoración del Día Internacional de la Mujer.

El propósito principal de este evento fue destacar y honrar el papel crucial de las mujeres dominicanas en Europa, así como explorar y discutir sobre su futuro en el continente. Durante el congreso, se rindió homenaje a heroínas de la República Dominicana, como Anacaona, Carmen Josefina Lora Iglesias, Casandra Damirón, Ercilia Pepín, Evangelina Rodríguez, Florinda Soriano, Juana Saltitopa, María Trinidad Sánchez, María Teresa Mirabal, Minerva Mirabal, Patria Mirabal, Rosa Duarte y Sagrario Díaz.

Este evento anual fue organizado por la presidente de la Asociación Il Tempo delle Donne, Rita Valenzuela, conto con la participación de destacadas conferencistas, como Denny Méndez, Joseline Pujol, Dolores Margarita Cedeño Pérez, Ana Ferrando, Beatriz Acosta, Darilyn Aquino, Stephanie Barry, Martha Herrera, Joayda Herrera, Marysthell Polanco, Rosmery López Abreu, Elizabeth Martínez, Margarita Martínez, Iris Peynado, enriqueció aún más el congreso y proporcionó perspectivas valiosas sobre los desafíos y oportunidades que enfrentan las mujeres dominicanas en Europa.

09-03-2024

Autore: per la redazione

Storia e cultura de L'italodominicano.tv 

09-03-2024

Autore: per la redazione

Storia e Cultura di  L'italodominicano.tv 

El primer paso para construir el futuro es imaginarlo. En la historia de la humanidad
En italodominicano.tv nos esforzamos por proporcionar noticias y contenido informativo que sea relevante para la comunidad

"Primer Congreso intenacional de mujeres dominicanas en Europa"

Roma 09 de marzo de 2024. Basílica San Pietro in Vincoli. Congreso organizado por la presidenta de la Asociación Il  Tempo delle Donne Rita Valenzuela. Conferencistas:  Embajadora alterna de la Misión  de la República Dominicana ante los organismos de las Naciones Unidas con sede en Roma Joseline Pujol, Cónsul General de la República Dominicana en Milán Arlene Peña Del Orbe, Ministra de la Embajada de la República Dominicana ante la Santa Sede Dolores Margarita Cedeño Pérez, Presidenta del Movimiento Más Cultura Beatriz Acosta Acosta, Consultora y Mentora de Negocios, Emprendedores. Conferencista y formadora internacional. Organiza talleres en vivo y online en Europa y América Darilyn Aquino,  la comunicadora Stephanie Barry, líder de investigación y estudio Index Italia Martha Herrera, Actriz Iris Peynado, modelo Marysthell Polanco, estilista y líder política Rosmery López Abreu, dirigente comunitaria Elizabeth Martínez y la dirigente comunitaria Margarita Martinez.

Mujeres homenajeadas: Anacaona, Carmen Josefina Lora Iglesias, Casandra Damirón, Ercilia Pepín Evangelina Rodríguez, Florinda Soriano, Juana Saltitopa, María Trinidad Sánchez, María Teresa Mirabal Minerva Mirabal, Patria Mirabal, Rosa Duarte y Sagrario Díaz.

Brindis final con la cocina gourmet de la chef Joayda Herrera ofrecida por el “INDEX - Italia”.
 

"La Reina taína Anacaona"  Ambasciatrice  Joseline Pujol
Congresso Sorelle, "Il futuro delle donne dominicane in Europa", organizzato per
l'Associazione Il Tempo delle Donne

  • Instagram
  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • YouTube
  • TikTok
Embajadora Josefina al primer congreso de Mujeres en Europa
  • Joseline Pujol, Ambasciatrice Supplente della Missione della Repubblica Dominicana presso le organizzazioni delle Nazioni Unite con sede a Roma, ci racconta la storia della Regina Taina Anacaona, capo del Congresso di Xaraguá Sorelle, "Il futuro delle donne dominicane in Europa", organizzato dall'Associazione Il Tempo Delle Donne

Joseline Pujol, Ambasciatrice Supplente della Missione della Repubblica Dominicana presso le organizzazioni delle Nazioni Unite con sede a Roma, ci racconta la storia della regina Taina Anacaona Cacica di Xaraguá durante il primo Congresso delle Donne Dominicane in Europa, svoltosi a Roma, il 9 marzo 2024.

Discorso:

"La colonizzazione dell'America, iniziata nella Repubblica Dominicana, ci ha lasciato molti insegnamenti, tra cui la paura degli aborigeni sottomessi dai colonizzatori, desiderosi di trovare nuove e fresche risorse per la corona, risorse che in precedenza provenivano dall'Asia mostravano anche ci mostra il coraggio, l'acutezza e la determinazione dei nostri primi coloni, ingiustamente sterminati dai conquistatori, tra i quali spicca una donna aborigena-Taina, descritta dai suoi oppressori come: intelligente, sagace e affascinante.

Noi donne non dobbiamo sentirci lusingate da questa valutazione, poiché rappresenta il senso patriarcale con cui i colonizzatori dell'epoca - e alcuni di questi - descrivevano le donne che osavano sfidare gli stereotipi, quando accompagnavano gli uomini nei compiti di comando, lasciando la donna, quello che hanno capito gli europei. Sì, donne, quella visione faceva parte di ciò che la colonizzazione portò alla nostra America.

La regina Anacaona, secondo quanto raccontato dai cronisti, dovette affrontare un patriarcato dispotico e la rappresentazione misogina del XV secolo delle donne come “volubili, scaltra, insaziabili”. Nelle cronache più accurate e veritiere possiamo vedere che non viene indicata come un soggetto femminile che si isola, ma come una donna che esercita un'autorità intellettuale e culturale sui suoi sudditi e sugli stessi spagnoli.
La rappresentazione simbolica che ci è arrivata di lei riguarda il potere, la sua brillante creatività di canzoni e areitos, il suo gusto per l'invenzione artistica e artigianale e la sua capacità di comprendere la lingua dei conquistatori. Vediamo come De las Casas, un autore che, a nostro avviso, aveva l'aspirazione di catturare il dolore umano causato dalla colonizzazione, la volontà non cristiana dell'oppressore, descrivendo la “natura” femminile e inclusiva della Cacica.
Anche se la letteratura ci ha lasciato privi di informazioni sulla regina Anacaona, il semplice fatto che gli spagnoli quando si riferivano a Lei lo facessero con il nome di "regina" e che la considerassero una minaccia ai loro scopi colonialisti, ci indica il tipo di donna e di leader quale era.

Nella Giornata internazionale della donna, Anacaona, capofila di quello che ancora rivendicano le donne del presente in ogni parte del pianeta, spazi a cui pian piano si è rinunciato. Questi passi, conquistati con riluttanza, hanno permesso alle donne di accedere a posizioni di maggiore rilevanza, tuttavia, questi spazi non rendono ancora giustizia all’equità lavorativa con cui donne e uomini dovrebbero essere trattati in ambiti, compreso il salario e le gerarchie in base alle capacità guida di entrambi.
Anacaona è protagonista di diversi capitoli di cronache che narrano, dal XV al XIX secolo e agli inizi del XX, le sventure della sua vita; non come un sottotesto americano o americanista, ma come un testo dotato di elementi significativi che si basano su stereotipi della femminilità.
Anacaona, secondo la ricercatrice Ylonka Nacidit Perdomo, è rivendicata negli studi di genere come vittima del martirio del colonizzatore barbaro, la sua identità legittimata nel XIX secolo come un'idealizzazione astratta della donna aborigena e della donna nazionale da un discorso costruito dalla poeti romantici. Forse, forse, questa potrebbe essere la vera “appropriazione” della Cacica di Xaraguá dalla sua tomba sconosciuta, dal suo volto celebrato dagli spagnoli come se fosse un'europea bianca per i suoi lineamenti.

La ricostruzione culturale del suo universo Taíno, a partire da un legame tra tribale, sociale e storico con gli studi di genere, lo colloca con un'identità definita (locus), non da una semplice binarità come antitesi; È una donna trasformata in segno, a cui allude la cronaca, evidenziandone la soggettività.
La regina Taíno Anacaona, Cacica di Xaraguá, dell'Isola di Hispaniola, fu narrata dai cronisti delle Indie al femminile e poi assunta dagli scrittori nazionalisti del XIX secolo anche da questa prospettiva, non come una donna di per sé trasgressiva della l'ordine patriarcale. Tutti i poeti di questa tradizione si sono sentiti spinti a dialogare con la Regina fin dall'autorità del cronista ottocentesco del XV secolo.
Così, questi influssi letterari dal canone maschile - che narrano della Cacica - le attribuiscono un cieco desiderio di servire gli spagnoli, non avendola in altra valutazione che quella scritta da altri, per incoraggiare il suo carattere di sottomissione, proponeva la propria identità senza altra paternità che quella radicata in un dramma soffocante. Las Casas dice di lei: “donna molto notevole, molto prudente, molto divertente e plancia, nelle sue favole”, “molto amichevole con i cristiani”.

È vero che la Cacica non solo agì - se partiamo dalle cronache di padre de Las Casas - solo dalla sfera privata, ma partecipò e condivise in maniera aperta e solidale con gli aborigeni del suo gregge le questioni che secoli d'oro erano percepiti come questioni esclusivamente maschili. In questa prospettiva, basata sulla sua affiliazione con Cacique Bohechio, è una precorritrice di una voce autoriale orale nel Nuovo Mondo, che le conferisce notevole autorità nei testi dei cronisti Fernández de Oviedo e nella sua Historia general y natural de Indies (1535 ) e Bartolomé de Las Casas e la sua Storia delle Indie, scritta tra il 1547 e il 1559.
Le donne che emigrano, soprattutto le dominicane residenti in Italia, non esiterebbero ad affermare che sicuramente circostanze diverse le hanno portate qui. Questo bellissimo Paese che li ha accolti per iniziare in molti casi una nuova vita, in altri per portare a termine progetti e aspirazioni. Devono prendersene cura ed esaltare la terra che i loro occhi hanno visto per la prima volta.
Cittadini del mondo, create e lavorate con determinazione per raggiungere i vostri obiettivi e sogni, non riposatevi finché non raggiungerete ciò che vi siete prefissati un giorno in cui avete deciso di emigrare in Italia, sapendo che non tutto sarebbe stato roseo. La migrazione porta soddisfazione, gioia e conoscenza, ma porta anche nostalgia, sfide; così come rafforzarsi per integrarsi in un Paese con una lingua e una cultura diversa.

Ci vuole coraggio e determinazione per intraprendere un viaggio verso l'ignoto, lo hai fatto e questo parla per te. La donna domenicana è riconosciuta come una guerriera e determinata ad andare avanti senza paura delle avversità da superare. Ringrazia il Paese che ti ha accolto, istruisciti, apri ponti affinché altri possano seguire le tue orme, ma, soprattutto, non dimenticare mai da dove vieni. Riconoscere le nostre radici ci rende persone migliori. Riprodurre le cose belle che vediamo dove arriviamo, pensare sempre a quelle donne che ci hanno preceduto e che, sebbene non siano più tra noi, sono ancora vive nei nostri cuori e nelle nostre azioni. Anacaona fa parte di noi in quanto discendenti Taino orgogliosi delle proprie radici. "Vive nell'immaginazione della nostra gente."

09-03-2024

Autor: por la redacción

Historia y Cultura de italodominicano.tv 

  • Instagram
  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • YouTube
  • TikTok

Sai cosa PUÒ fare per te la tua ambasciata o il tuo consolato?
Le ambasciate e i consolati sono uffici che rappresentano il governo della Repubblica Dominicana.

  • Condividiamo con te le funzioni che ambasciate e consolati possono svolgere per te:

  • Fornirti assistenza consolare e tutelare i tuoi interessi.

  • Consigliarvi e consigliarvi riguardo al vostro rapporto con le autorità.

  • Informarti sui tuoi diritti e obblighi nel Paese in cui ti trovi.

  • Fornirvi indicazioni e fornirvi le informazioni di un avvocato che possa rappresentarvi se necessario.

  • Visitarti se sei detenuto o ricoverato in ospedale per conoscere le tue esigenze e agire di conseguenza.

  • Fornire supporto e identificare i mezzi per accedere alla rappresentanza legale nel caso in cui non sia possibile far valere personalmente i propri diritti.

  • Fornire informazioni su medici e ospedali.

  • Ti rilasciano un passaporto in caso di smarrimento o furto.

  • In caso di arresto, la tua ambasciata o consolato:

  • Assicurati che le autorità locali rispettino i tuoi diritti.

  • Fornisce informazioni sull'assistenza legale.

  • Informa i tuoi familiari sulla tua situazione giuridica, se lo richiedi.

  • È importante che tu sappia in quale paese il Governo della Repubblica ha un'ambasciata o dei consolati e la loro ubicazione. Entra nel nostro elenco di ambasciate e consolati.

La bandera dominicana

Istituzioni della Repubblica Dominicana in Italia

Ambasciata della Repubblica Dominicana in Italia e Consolati Dominicani

Informazioni, indirizzi e contatti degli uffici consolari in Italia della Repubblica Dominicana, stato dell'America Centrale con capitale Santo Domingo. Continua a leggere per trovare il Consolato della Repubblica Dominicana più vicino a te.

*Ambasciata della Repubblica Dominicana a Roma
Indirizzo: Via Pisanelli 1 - 00196 Roma
Telefono: 06 45434789
Fax: 06 45448452
E-mail: embassydominicana@tiscali.it
*Consolato Repubblica Dominicana Milano
Indirizzo: Corso Buenos Aires 64/A, 201243 Milano
Telefono: 02 20240965
Fax: 02 29516180
E-mail: embassydominicana@tiscali.it
*Consolato della Repubblica Dominicana Genova
Indirizzo: Via Antonio Cecchi 2 - 16129 Genova
Telefono: 010 566095
Fax: 010 566095
E-mail: info@consudomgenova.it
*Consolato Repubblica Dominicana Napoli
Indirizzo: via Generale Giordano Orsini 42 - 80132 Napoli
Telefono: 081 7648867
Fax: 081 7648867
E-mail: consolatodominicanonapoles@gmail.com

*Ambasciata della Repubblica Dominicana presso la Santa Sede
Via: di Porta Angelica, 63, 00193 Roma RM
Telefono: 39 06 686 4084
*Missione permanente della Repubblica Dominicana presso le agenzie delle Nazioni Unite a Roma
Tavole rotonde @FAO - @IFAD - @WFP - @UN_CFS e DNUAF
Via: Lungo Tevere del Sangallo 1, Roma. Telefono 39 06 44290439

*Altri Uffici Domenicani in Lombardia:
OPREE - SNODO CENTRALE
Via Lazzaro Palazzi 2/4
0229528189
opreemilanojce@gmail.com
ENTE TURISTICO REP. SOLE. MILANO
Piazza Castello, 25
Telefono: 02-8057781
enteturismo.repdom@gmail.c

INDICE-ITALIA Ufficio
Via Trasimeno, 75 - 52100 Arezzo (AR)
Tel.: (+39) 0575-452739
index.it@mirex.gob.do jregalado@index.gob.do julioarezzo@hotmail.com
 

Come possiamo esserti utili?

39 347 682 6636 messaggio WhatsApp

bottom of page